home
Presentazione Istituto
Corsi e master
Congress Report
Finestra Scientifica
Seminari
partner
News
Indirizzi utili

indice di Congress Report

Si è svolto a Washington D.C. (USA) dal 7 al 9 aprile 2006, il
XII International Congress dell’I.C.M.A.R.T (International Council of Medical Acupuncture and Related Tecniques).

Nella lussuosa ambientazione dell’Hotel Marriott quasi 300 congressisti, provenienti da ogni parte del globo, hanno dato vita ad una “convention” che, se da una parte si è mantenuta su livelli scientifici appena accettabili, dall’altra ha mostrato inadeguatezze e approssimazioni organizzativa indegne di un’assise di questa portata.

Sorvolando sull’organizzazione “dilettantistica” , che ha imposto tra l’altro ai partecipanti diverse “cacce al tesoro” per trovare le sale che ospitavano le sessioni scientifiche, merita sicuramente più attenzione, e più spazio descrittivo, l’aspetto scientifico-politico che ha caratterizzato il Congresso. La maggioranza delle relazioni presentate ha mantenuto il taglio reflessologico ben conosciuto nei precedenti congressi. Incuranti del benché minimo collegamento con i dati tradizionali, e meno che meno con un accenno anche minimo all’ESV, questa volta gli “illustri” rappresentanti dell’Agopuntura medica si sono spinti a un passo dall’autolesionismo presentando lavori che a volte sembravano quasi tesi a dimostrare l’inconsistenza della disciplina praticata; l’agopuntura appunto.

Vate ideologico di questa cordata è stata come sempre la zelantissima Jaqueline Filshie, che, nei 75 interminabili minuti del suo intervento intitolato “lo sviluppo dell’agopuntura medica basata sulle evidenze”, ha tentato di dimostrare che, nel trattamento delle sindromi dolorose, il placebo funziona meglio dell’Agopuntura. Nulla di male se avesse realmente parlato di Agopuntura invece di evitare accuratamente di indicare anche un solo punto, ma meglio ancora se, poche ore dopo, non avesse gestito un “workshop” a pagamento dal titolo “dolore e controllo dei sintomi nei pazienti neoplastici”. Stessa delirante ipocrisia durante l’Assemblea Generale. Assenza completa di dibattito e mera approvazione unanime delle indicazioni “proposte” dal “Boss”.

Con quanto riferito è lecito chiedersi cosa ci facessero in quell’ambiente i nostri rappresentanti. Presto detto: sono anni che, discutendo personalmente con il “Boss”, cerchiamo di fargli intendere che, seppur consideriamo lecito e doveroso affidare la pratica dell’agopuntura a medico, laddove esista, è antistorico ed assolutamente improduttivo porsi in rotta di collisione con tutto ciò che non sia “la difesa dei diritti del medico” e sia molto più positivo l’atteggiamento del dialogo, teorico e politico, con chi pur sempre rappresenta la maggioranza degli agopuntori del mondo ed è ascoltato niente di meno che dall’OMS. Spesso abbiamo temuto di essere dei sognatori velleitari, ma a Washinton, abbiamo potuto constatare che, forse, non è vero, e che spesso…. Dal letame nascono i fior……..

Già all’arrivo alle registrazioni abbiamo avuto una piacevole e gradita sorpresa: il logo del Congresso era “il Cielo Anteriore”, già, il nostro tanto amato Grafico Primo, mai visto in queste occasioni se non nelle nostre slides. In seguito, durante la presentazione di uno dei nostri lavori, il Chairman della sessione si intratteneva con il nostro rappresentante sottolineando la comunanza tra i nostri grafici dell’ESV ed i loro tentativi di interpretazione dei dati tradizionali. In una delle ultime sessioni scientifiche abbiamo potuto apprezzare la relazione di Francisco Lozano che, affrontando il problema dell’applicazione dell’agopuntura all’età geriatria (argomento già molto caro al nostro Istituto) ha tenuto una vera e propria lezione di Agopuntura Tradizionale incantando la platea per la profonda fluidità delle spiegazioni e la ricchezza dei dati riportati.

Qualche possibilità di rompere il ghiaccio integralista che caratterizza quest’Organizzazione quindi c’è, pertanto forse vale la pena di provarci a lasciare la nostra impronta. La scelta di proporci come organizzatori del Congresso Mondiale nel 2008, oltre che garantirci una vetrina planetaria, va proprio in questa direzione e la scelta del titolo(Acupuncture between ancient tradition and modern science), di per sé provocatorio in quest’ambiente, è solo l’inizio di questa battaglia.

indice di Congress Report

Istituto Superiore di Agopuntura - Piazza R. Wagner, 8 - 20145 Milano (MI)
Tel. - Fax: 02 37648561 - lun-ven, 16:00-18:00, email: info@isagopuntura.org




[ presentazione] [ docenti]
[ finestra scientifica] [ congress report] [ indirizzi]